La Direttiva Macchine 42/2006 CE è in procinto di essere abrogata. Nell’aprile di quest’anno, infatti, la bozza del nuovo Regolamento UE sulle macchine ha concluso la “road map”. Dopo l’indagine pubblica il testo del nuovo Regolamento è stato reso a disponibile e salvo correzioni dell’ultima ora la versione pubblicata è sostanzialmente definitiva. La data di pubblicazione non è certa (il Covid ha rallentato i lavori del Parlamento UE) ma le notizie che arrivano dall’UE ipotizzano che il Regolamento possa essere adottato tra novembre 2021 e la primavera del 2022. La proposta, per chi ha già avuto modo di vederla in anteprima, andrà di fatto a modificare sia l’articolato che gli allegati in maniera assolutamente sostanziale. Per tale ragione è necessario che gli operatori economici comincino fin d’ora ad “attrezzarsi” per poter affrontare un cambiamento “radicale”.

Del resto la Direttiva Macchine così come articolata non è più adeguata per affrontare l’evoluzione tecnologica dell’ultimo decennio; la robotica, l’uso dell’intelligenza artificiale e l’IOT (Internet of Things) hanno modificato significativamente i processi produttivi e introdotto nuove problematiche relative alla sicurezza degli stessi.

Oltre a ciò la Direttiva macchine non è in linea con il Regolamento (CE) N. 765/2008 del 9 luglio 2008 che pone norme in materia di accreditamento e vigilanza del mercato per quanto riguarda la commercializzazione dei prodotti e la Decisione N. 768/2008/CE del 9 luglio 2008 relativa a un quadro comune per la commercializzazione dei prodotti che ha cambiato in modo radicale le responsabilità degli operatori economici.

Proprio per aiutare i nostri Clienti ad affrontare questo nuovo “scoglio” abbiamo organizzato in partnership un Workshop gratuito dal titolo: Il nuovo regolamento UE sulle macchine 2021.

Cliccando sul link potrete scaricare la locandina e iscrivervi al seminario del giorno 5 ottobre 2021.

La partecipazione è gratuita previo registrazione. Affrettatevi, i posti disponibili sono limitati!